House Financial Services Chair a Biden: Abrogazione delle regole di crittografia OCC

Il Rep. Maxine Waters vuole che le recenti linee guida criptate emesse dall’Ufficio del Controllore della valuta

  • La rappresentante Maxine Waters, presidente della Commissione per i servizi finanziari della Camera, ha inviato una lettera al Presidente eletto Joe Biden.
  • In essa, ha chiesto che l’Ufficio del Controllore della valuta (OCC) revochi diverse regole favorevoli all’adozione della crittovaluta.
  • L’OCC ha il compito di regolamentare le banche nazionali.

Mentre l’amministrazione Trump uscente cede il passo all’amministrazione Biden entrante, i legislatori di entrambi i partiti stanno inviando segnali Crypto Cash al presidente eletto sulle loro aspettative su tutto, dalle nomine politiche alle priorità legislative.

La quindicenne parlamentare Maxine Waters, che presiede la Commissione per i servizi finanziari della Camera, sta entrando in azione e la sua opinione potrebbe indicare la direzione delle future normative sulla crittovalutazione.

Trump a nominare l’ex Esec. Brooks a capo dell’OCC

Il presidente Trump ha annunciato oggi „l’intenzione di nominare“ Brian Brooks a capo dell’Ufficio del Controllore della valuta (OCC). Brooks, ex Chief Legal Officer di Coinbase, è stato…

In una lettera inviata oggi al Presidente eletto Biden, la presidente ha dichiarato: „Anche i funzionari da voi nominati presso l’Ufficio del Controllore della valuta (OCC) non devono presumere, come i loro predecessori, che un Congresso di legge approvato più di 150 anni fa dia loro in qualche modo l’autorità di fornire una carta bancaria nazionale a società non bancarie fintech o di pagamento“.

La Rep. Waters fa probabilmente riferimento al National Banking Act, che è diventato legge durante la guerra civile americana. La legge, che da allora è stata aggiornata, ha istituito l’OCC come ufficio indipendente del Tesoro che fornisce carte alle banche nazionali e le regolamenta; la legge ha contribuito a modernizzare il sistema bancario degli Stati Uniti.

Sotto la nomina di Obama, Thomas Curry, che ha ricoperto il ruolo di controllore dal mese di aprile 2012 al maggio 2017, l’OCC ha iniziato ad accettare le richieste per le carte bancarie nazionali di fintech. Anche il successore di Curry, Joseph Otting, che ha prestato servizio da novembre 2017 a maggio 2020, ha abbracciato tali carte per scopi speciali.

Questo sforzo si è riversato nel regno di Brian Brooks, che il Presidente Trump ha recentemente nominato per un mandato quinquennale (ma che il Rep. Waters non è chiaramente pronto a confermare). Sotto la guida di Brooks, ad esempio, l’OCC ha emanato una guida che prevede che le banche nazionali possano prendere in custodia i beni criptati dei clienti. Ha inoltre affermato che le banche nazionali possono detenere riserve di moneta stabile per i clienti.

La Rep. Waters ha raccomandato che entrambe le politiche siano revocate.

L’OCC ha inoltre proposto modifiche alle regole che impedirebbero alle banche nazionali di discriminare le imprese di servizi monetari, come le imprese di criptaggio, ma anche le compagnie petrolifere e del gas. Nella sua lettera, la Rep. Waters ha chiesto alla nuova leadership dell’OCC di „revocare prontamente“ questa regola proposta, che è fuori discussione.

Brooks è un ex dirigente di Coinbase che è stato criticato da altri membri del Congresso. A novembre, sei legislatori democratici – i rappresentanti Rashida Tlaib, Stephen Lynch, Jesús G. „Chuy“ García, Deb Haaland, Barbara Lee e Ayanna Pressley- hanno scritto una lettera ad Acting Comptroller Brooks, mettendo in discussione „l’eccessiva attenzione dell’OCC per le attività criptate e i servizi finanziari correlati alla criptazione“, in un momento in cui molti americani erano ancora in attesa di controlli di stimolo dal progetto di legge COVID-19.

Tre di questi legislatori – Lab, Lynch e García- hanno portato avanti il loro caso questa settimana, introducendo una legislazione che richiederebbe agli emittenti di stablecoin di ottenere carte bancarie.

Questo, unito alle recenti voci secondo cui il Tesoro avrebbe introdotto un’onerosa regolamentazione della cripto-valuta, ha alzato le sopracciglia all’interno dell’industria del cripto. Oggi, su CNBC, Brooks ha cercato di mettere la gente a proprio agio, dicendo: „Nessuno proibirà il Bitcoin“.

Questa è probabilmente una buona scommessa, a prescindere da chi farà il controllore della valuta quando Biden entrerà in carica.